9.1 – La Distanza Euclidea nella tecnica della Griglia di Repertorio

Volume 9, Numero 1, Aprile 2021

La Distanza Euclidea nella tecnica della Griglia di Repertorio: uno studio delle distanze tra elementi in un campione di donne maltrattate
di Jesús Garcia-Martínez, Ángeles Payán-Bravo e Rafael Moreno-Rodríguez
Traduzione a cura di Alessia Ranieri e Francesca Di Giulio

Abstract
In questo studio, la distanza euclidea è stata utilizzata per analizzare gli elementi del costrutto “maschio-femmina” e quelli di “supporto-non di supporto” in un campione di donne maltrattate (N = 25). L’obiettivo principale era quello di studiare le differenze di similarità soggettiva (distanza euclidea) secondo diversi indici strutturali nella griglia di repertorio. Il campione è stato diviso in due gruppi utilizzando la media come criterio per dicotomizzare i gruppi come alto-basso. La sintomatologia è stata utilizzata anche come fattore per distribuire il campione. Le differenze tra i gruppi sono state calcolate con il test t di Student. Le donne del gruppo ad alta polarizzazione si considerano diverse dal proprio partner e anche da altri uomini aggressivi. Le donne del gruppo a bassa intensità considerano se stesse e i loro partner diversi dagli uomini collaborativi.

Parole chiave: distanze euclidee, tecnica della griglia del repertorio, violenza del partner intimo.