Tempo di lettura stimato: 23 minuti
Tempo di lettura stimato: 23 minuti

Cogliere costrutti in un mondo post-COVID: una ricerca sulla somministrazione a distanza delle griglie di repertorio

Capturing constructs in a post-covid world: a research note on the remote administration of repertory grids

di

Eugene Yamnitsky

Citrix

e Devi Jankowicz

Edinburgh Business School, Heriot Watt University

 

Traduzione a cura di

Elena Rigon

Abstract

Questo articolo esamina la somministrazione della tecnica della Griglia di Repertorio da remoto attraverso l’uso di fogli di calcolo Excel e software di videoconferenza con funzionalità di condivisione dello schermo. Vengono confrontati e discussi l’esperienza e la qualità dei risultati della somministrazione da remoto e diretta; vengono esaminati i possibili vantaggi della somministrazione da remoto e diretta. Questo approccio differisce dai metodi di somministrazione a distanza basati su computer presenti in letteratura fino ad ora; si spera che questo articolo sarà utile per i ricercatori che potrebbero aver bisogno di adattarsi alle nuove condizioni post COVID-19, in cui la gestione diretta della griglia di repertorio potrebbe non essere possibile a causa di restrizioni di viaggio e distanziamento sociale.

This paper reviews the remote administration of Repertory Grid technique in which Excel spread sheet and videoconferencing software with screen sharing capabilities were utilized. The experience and quality of results of remote and direct administration are compared and discussed; possible advantages of remote over direct administration are examined. This approach differs from remote computer-based administration methods reviewed in the literature hitherto; it is hoped that this paper will be of value to researchers who may need to adjust to the new post-COVID-19 conditions, where direct administration of Repertory Grid may not be possible due to travel restriction and social distancing limitations.

Keywords:
Sensemaking manageriale, ambidexterity, griglia di repertorio, interviste, videoconferenza, COVID-19 | Managerial sensemaking, ambidexterity, Repertory Grid, interviews, videoconferencing, COVID-19
Print Friendly, PDF & Email

1. Introduzione[1]

Le revisioni scientometriche della Teoria dei Costrutti Personali (PCT) e della sua principale tecnica associata, la Griglia di Repertorio, suggeriscono una crescita costante in molteplici campi di ricerca e applicazione (A. Neimeyer, Baker, & G. Neimeyer, 1990; Saúl, Lòpez-González, Moreno-Pulido, Corbella, Compañ, & Feixas, 2012) con le applicazioni professionali che riflettono questa tendenza (Jankowicz, 1990; Cornelius, 2016), dal momento che i ricercatori costruttivisti esplorano come le persone concepiscono questioni importanti in questi campi.

Con i recenti cambiamenti nel mondo degli affari e nell’ambiente accademico innescati dalla pandemia COVD-19, diventa fondamentale capire le tecniche che i ricercatori possono utilizzare con successo quando l’interazione diretta tra un ricercatore e un intervistato è impossibile. Sono state pubblicate ricerche relativamente approfondite sull’uso della videoconferenza per le interviste con le Griglie di Repertorio. Il presente studio, condotto a completamento parziale di un programma di dottorato (vedi Yamnitsky, 2020), ha confrontato il modo in cui sono strutturati due tipi distinti di progetti di innovazione, prendendo i dati in due modi: mediante intervista diretta e da remoto.

Ci si è rivolti quindi a progetti di Exploitative Innovation (quelli volti a difendere il core business aumentando l’efficienza e riducendo i rischi) e di Exploratory Innovation (quelli volti a scoprire nuove opportunità di business attraverso l’esplorazione e lo sfruttamento di nuove tendenze tecnologiche); infine l’ambidexterity, la capacità di impegnarsi in entrambe le forme, è stato un focus particolare dello studio (vedi Christensen, 1997; Gibson & Birkinshaw, 2004; O’Reilly & Tushman, 2008).

Nel caso su cui si basa lo studio in corso, 14 manager di medio livello sono stati intervistati in modo diretto, mentre 11 dirigenti sono stati intervistati a distanza, utilizzando un software che consente la videoconferenza e la condivisione dello schermo GoToMeeting[2]. In alternativa ai software di elicitazione convenzionale come RepPlus, o Idiogrid, è stato utilizzato Microsoft Excel per registrare i dati della griglia, dal momento che offriva un’interfaccia di condivisione dello schermo familiare ai professionisti del settore IT con cui lo studio è stato condotto.

 

2. Letteratura

 

2.1 Organizational Ambidexterity

L’innovazione è la chiave per la sopravvivenza di un’azienda (Bower & Christensen, 1995), in particolare la forma che introduce nuovi prodotti e servizi nel mercato – innovazione esplorativa (Christensen, 1997). Le imprese con prodotti esistenti in mercati consolidati spesso faticano ad organizzarsi in modo da proteggere i loro flussi di reddito esistenti, esplorando nuove opportunità di produzione e di servizi; fare entrambe le cose allo stesso tempo è difficile, ma è tuttavia apprezzato in quanto consente alle aziende di affrontare le esigenze attuali di domanda elevata e anticipare le esigenze future (Teece, Peteraf, & Leih, 2016).

Ci sono diversi modi per organizzare l’ambidexterity, e le aziende che ci riescono ottengono prestazioni finanziarie superiori e una migliore posizione di mercato (Gibson & Birkinshaw, 2004; Solís-Molinaa, Hernández-Espallardo, & Rodriguez-Orejuela, 2018).

I progetti di Exploratory Innovation comportano un rischio significativamente più elevato a causa dell’incertezza che ne deriva e richiedono un insieme diverso di tecniche (procedure da seguire) e metriche (misure quantitative utilizzate per misurare il progresso) rispetto a quelle utilizzate nell’Exploitative Innovation (Baghai, Coley, & White, 2000; Blank, 2015).

Quando i progetti di Exploratory Innovation sono avviati, i manager che sono spesso quelli che prendono le decisioni sugli approcci da utilizzare nei progetti possono non riconoscere il diverso contesto in cui operano quando si occupano di un progetto di Exploratory Innovation e, di conseguenza, non scegliere un approccio più appropriato per le circostanze (vedi Yamnitsky, 2020). Per avere successo con Exploratory Innovation e gestire l’ambidexterity, i manager dovrebbero riconoscere la differenza tra i due tipi di progetto, valutare il tipo di progetto in questione e scegliere un approccio più appropriato – una combinazione di tecniche e metriche per quel progetto.

 

2.2 Costruire l’innovazione

È quindi importante comprendere i modi in cui i manager danno un senso (Weick, Sutcliffe, & Obstfeld, 2005) all’innovazione, all’ambidexterity e al contesto in cui operano quando danno forma alla strategia e al processo decisionale tattico (Plambeck, 2012). Il processo decisionale manageriale è legato alla percezione e all’interpretazione dei manager dell’ambiente in cui si trovano (Weick et al., 2005; Xu, 2011), specialmente in condizioni di incertezza (Teece et al., 2016).

Per capire come i manager pensano ai problemi e a determinati eventi nei loro termini, attingiamo alla Teoria dei Costrutti Personali (PCT) (Kelly, 1955, 1963). La comprensione della posizione assunta quando le alternative di scelta sono affrontate dipende dalla comprensione di come queste alternative sono interpretate dagli individui coinvolti. Questa interpretazione può non essere chiara, esplicita e dichiarata proposizionalmente, specialmente in condizioni di incertezza, e la PCT è particolarmente adatta all’identificazione e alla cattura delle conoscenze implicite coinvolte (vedi Fransella, 2003; Jankowicz, 2001).

Date le pressioni che si incontrano nello sviluppo commerciale quotidiano di prodotti, l’uso non riflessivo degli approcci tradizionali di gestione dei progetti sono comprensibili, ma possono impedire l’apertura alle possibilità alternative, richieste nel processo di Exploratory Innovation. L’identificazione della conoscenza implicita e il valore della riflessione sui propri modelli impliciti di procedura di lavoro sono sempre più enfatizzati (vedi ad es. D. Bennet & A. Bennet, 2008; Williams & Mackness, 2014).

 

2.3 Elicitare ipotesi implicite

L’intervista è una delle tecniche più comuni utilizzate dai ricercatori qualitativi (Merriam, 1998; Yin, 2017), ed è particolarmente importante quando si costruisce il ‘quadro ricco’ di un fenomeno, nel momento in cui il Case Study è il metodo di ricerca scelto (Cristancho, Bidinosti, Lingard, Novick, Ott, & Forbes, 2015). Quando l’intenzione è quella di studiare la comprensione personale su base individuale, l’intervista standard è utilmente integrata, o addirittura sostituita, dalla Griglia di Repertorio (vedi Kelly, 1963), in particolare quando l’intenzione è quella di far emergere la conoscenza implicita degli intervistati (Fransella, Bell, & Bannister, 2004; Jankowicz, 2004).

È stata strutturata un’intervista in modo tale da massimizzare il punto di vista dell’intervistato rispetto ai problemi ritenuti importanti dall’intervistato stesso, circa l’argomento in questione: una Griglia di Repertorio accuratamente strutturata, con una tematica esplicitata in modo chiaro, con gli elementi che rappresentano istanze che riflettono diversi aspetti dell’argomento, costrutti elicitati in modo triadico, con la posizione di elementi e costrutti indicata da valutazioni su una 5-scala a punti.

 

2.4 Interviste a distanza in videoconferenza

Le comunicazioni digitali in generale, e la videoconferenza in particolare, sono diventate più popolari nella ricerca qualitativa negli ultimi anni in quanto gli strumenti tecnologici pertinenti sono diventati più maturi e onnipresenti (Weller, 2017). Vediamo questi strumenti come parte integrante della nostra vita professionale e quotidiana, ma l’interazione di persona è ancora vista come il gold standard quando si tratta di interviste nella ricerca qualitativa (vedi Johnson, Scheitle, & Ecklund, 2019; Weller, 2017).

Negli ultimi anni è apparso un numero crescente di conoscenze sull’uso della videoconferenza (ad es. Johnson et al., 2019; Magni, 2010; Sedgwick & Spiers, 2009; Weller, 2017), in quanto i ricercatori hanno iniziato sempre più a utilizzare strumenti come Skype (es. Dudding, 2009; Iacono, Symonds, & Brown, 2016) e Zoom (es. Archibald, Ambagtsheer, Casey, & Lawless, 2019) per la gestione remota delle interviste. I principali vantaggi citati dalla maggior parte degli autori sono l’efficienza dei costi e la capacità di raggiungere gli intervistati a livello internazionale e in località remote.

Ma le opinioni sono divise. Alcuni sostengono che la videoconferenza è un approccio adeguato a condurre un’intervista (Dudding, 2009) ed è equivalente nella ricchezza di informazioni e qualità dei dati rispetto a un’intervista di persona (es. Jenner & Myers, 2019), specialmente quando la qualità della connessione Internet è alta (Sedgwick & Spiers, 2009; Weller, 2017) e l’argomento non coinvolge la comunicazione di informazioni sensibili da parte di un intervistato (Sedgwick & Spiers, 2009). Altri sostengono che la videoconferenza può essere inferiore alle interviste di persona, a causa di difficoltà nello stabilire un rapporto, nel rilevare segnali non verbali (Seitz, 2016), nel creare una sensazione di connessione reale (Adams-Hutcheson & Longhurst, 2017; Seitz, 2016), e può venire a discapito di una ricchezza di informazioni (Johnson et al., 2019).

Detto questo, anche quest’ultima scuola di pensiero non esclude completamente le interviste a distanza. Richiede, invece, che vengano presi in considerazione problemi di progettazione metodologica per affrontare queste preoccupazioni; questioni che possono essere particolarmente ben affrontate da una griglia adeguatamente strutturata.

Mentre è disponibile una grande varietà di strumenti software specialistici per l’acquisizione e l’analisi delle informazioni di griglia dal 1960 (Heckmann & Bell, 2016; Denicolo, Long, & Bradley-Cole, 2016), la letteratura sull’elicitazione remota è scarsa e Magni (2010) è il più frequentemente citato. Magni ha utilizzato Microsoft Live Meetings come supporto per la videoconferenza che consisteva in un compito di completamento della frase per l’elicitazione dei costrutti (Grice, E. Burkley, M. Burkley, Wright, & Slaby, 2004), e il pacchetto software Idiogrid (Grice, 2002) per l’analisi. Il software Adobe Connect è stato utilizzato come supporto da Campbell (2015), con un foglio di calcolo Excel per l’acquisizione di dati della Griglia di Repertorio utilizzando il confronto triadico nel modo consueto e senza condividere il foglio di calcolo con la persona durante l’elicitazione.

È chiaro che la preoccupazione fosse di ridurre l’impersonalità percepita nella videoconferenza: per questo motivo Magni ha usato il compito di completamento della frase invece di una Griglia di Repertorio, e Campbell un foglio di calcolo piuttosto che un pacchetto specializzato di griglie di elicitazione di costrutti.

 

3. Metodi

 

La ricerca di dottorato a cui si fa riferimento in questo documento ha adottato un’epistemologia costruttivista (Kelly, 1955, 1963) utilizzando il metodo Case Study (Yin, 2017), poiché il suo obiettivo era quello di esplorare come i manager concepiscono i progetti di innovazione. È stata utilizzata una procedura standard, utilizzando un foglio di calcolo Excel per l’acquisizione e l’analisi dei dati con i due gruppi di intervistati di 14 (Diretto) e 11 (Remoto), che comprendeva manager di Product Management e funzioni di ingegneria che lavorano sia a livello strategico (Senior Directors e VPs) che tattico (Manager e Senior Manager), con l’obiettivo di catturare circa 300 costrutti, un numero sufficiente per raggiungere la saturazione nell’analisi dei contenuti delle strutture del campione raggruppato (vedi Garcia-Martínez, Payán-Bravo, & Moreno-Rodríguez, 2019; Jankowicz, 2004; Pankratz & Basten, 2014).

Per questa ricerca è stato utilizzato un tipico approccio di campionamento mirato (Merriam, 1998), incentrato sui manager di medio livello che conducevano o avevano precedentemente guidato progetti di Exploratory ed Exploitative Innovation. La partecipazione Diretta o Remota era basata sulla convenienza (ibidem), rispetto alla posizione geografica dei partecipanti e la capacità del ricercatore di raggiungerli. Un unico intervistatore (il ricercatore) ha condotto tutte le interviste.

Come accade con la maggior parte dei campionamenti mirati nel lavoro dei Case Study, la generalizzazione dei risultati non è da considerarsi estrapolata da un campione rappresentativo di una popolazione, ma dai casi studiati in altre circostanze simili a cui si applicano aspettative teoriche simili – “Analytic Generalisation” (Yin, 2017, p. 37). Per quanto riguarda l’elicitazione dei costrutti Diretta vs. Remota, l’aspettativa era di non rilevare differenze nella ricchezza e qualità dei dati, come indicato dal numero di costrutti ottenuti e dalla loro complessità cognitiva, a condizione tuttavia che i principali problemi metodologici di progettazione fossero adeguatamente affrontati (vedi Johnson et al., 2019), e che l’argomento di discussione non fosse di natura sensibile o personale (vedi Sedgwick & Spiers, 2009).

Dopo un primo breve contatto con gli intervistati e un accordo sugli elementi, l’intervista con la griglia del gruppo Diretto ha progredito nel solito modo (Jankowicz, 2004). Gli incontri da Remoto sono iniziati con l’intervistatore che ospitava una sessione GoToMeeting con streaming video acceso da entrambe le parti; la sessione è stata registrata, con il permesso dell’intervistato di farlo, al fine di generare una trascrizione della sessione, ed è stato condiviso su GoToMeeting un foglio di calcolo Microsoft Excel contenente una griglia vuota. Il ricercatore ha trascorso alcuni minuti spiegando l’elicitazione complessiva e la procedura di registrazione dei dati con esempi da un campo non correlato all’argomento dell’intervista. Questo approccio ha contribuito a mettere le persone a proprio agio, come è emerso dal loro feedback alla fine del colloquio.

Al contrario, durante le interviste Dirette, il ricercatore era seduto di fronte all’intervistato e ha utilizzato un modulo a griglia vuota prestampato, che ha compilato a mano durante l’intervista.

Sono state seguite con attenzione in egual misura con entrambi i gruppi tre procedure chiave, abbastanza familiari nella somministrazione convenzionale della griglia diretta, e si sono dimostrate particolarmente utili fornendo la ricchezza di informazioni, ottenuta attraverso l’interazione dettagliata, che Johnson et al. (2019, pp. 13-14) considerano come essenziale per avere delle interviste a distanza efficaci.

 

3.1 Riflessione sugli elementi

Sono stati utilizzati sei progetti come elementi: tre progetti di exploratory innovation e tre progetti di exploitative innovation; sono stati aggiunti due progetti “Ideali” (exploratory ideale ed exploitative ideale), per supportare l’abituale analisi delle distanze nell’analisi dei cluster che ne è seguita (Jankowicz, 2004; Garcia-Martínez et al., 2019).

L’inclusione degli elementi “ideali” nelle triadi offerte per l’elicitazione dei costrutti si è rivelata utile nel focalizzare l’attenzione dell’intervistato sulle loro priorità e ha incoraggiato un’attenta considerazione di come gli elementi dovevano essere valutati nei costrutti (vedi Fransella 2003, pp. 109-111). Particolare attenzione è stata prestata all’elemento che aveva ricevuto valutazioni più simili, e più dissimili, agli elementi “ideali” forniti. I risultati di questa analisi dell’elemento sono descritti in Yamnitsky (2020, pp. 144-157).

 

3.2 Riflessione sui costrutti

È stato fornito dal ricercatore un costrutto comprensivo per stabilire la posizione di base di ogni singolo intervistato sulla questione in esame (l’efficacia delle tecniche e metriche utilizzate nei progetti di exploratory innovation e di exploitative innovation). Questo è stato formulato come segue: “Nel complesso, gli approcci utilizzati sono stati più efficaci per il successo del progetto” vs. “Nel complesso, gli approcci utilizzati sono stati meno efficaci per il successo del progetto” (ibidem, p. 89). Un confronto delle valutazioni individuali di elementi su un costrutto fornito con le valutazioni individuali di elementi sui costrutti indotti è una parte importante di un’analisi dei contenuti quando i significati condivisi da un gruppo di intervistati sono aggregati (vedi Honey, 1979 per la logica, e Yamnitsky 2020, pp. 125-141 per i risultati del gruppo).

Durante il processo di elicitazione, tuttavia, il fornire un costrutto comprensivo serve a stimolare un’attenta riflessione su quali costrutti sono particolarmente importanti per la posizione di base dell’individuo sulla questione dell’efficacia. I risultati di questa analisi dei contenuti sono descritti in Yamnitsky (ibidem, pp. 125-141).

 

3.3 Riflessione sul significato

Seguendo la consueta elicitazione triadica di ogni costrutto (Fransella et al., 2004), è stata usata una procedura di laddering down (Jankowicz 2004, pp. 64-66) per arrivare ad un’espressione più dettagliata e specifica di ogni costrutto prima di classificare ogni elemento su una scala a 5 punti. Gli intervistati variano nel loro modo di rispondere; invitati a considerare una triade di elementi, alcuni possono rispondere con precisione e dettaglio, alcuni possono lottare per esprimere il loro costrutto in modo chiaro e in modo sufficientemente dettagliato per essere compresi dal ricercatore, e alcuni potrebbero non aver mai incontrato in precedenza la necessità di formulare quello che è un costrutto interamente nuovo (Jankowicz, 2019). Un’attenta discussione del costrutto, così come è stato registrato alla fine, è particolarmente importante per ottenere una descrizione chiara e pubblicamente comprensibile del significato del soggetto intervistato.

Al termine della sessione, alle persone è stato chiesto di rivedere il loro materiale, per garantire che il significato previsto fosse trasmesso in quello che è un delicato processo di negoziazione sul significato (ibidem).

 

4. Risultati

I principali risultati empirici emersi dal confronto tra il gruppo di interviste strategiche vs. tattiche, insieme a uno studio di triangolazione dei risultati utilizzando il Key Informant Interviews, sono riportati in Yamnitsky (2020) come indicato sopra; qui ci concentriamo su un confronto tra i risultati della procedura Diretta vs Remota.

Mentre nessuno dei manager intervistati ha avuto mai esperienza di una procedura di elicitazione di costrutti secondo la Griglia di Repertorio, la maggior parte di loro ha trovato lo strumento abbastanza intuitivo; un totale di 307 costrutti sono stati tratti dai 25 partecipanti, come descritto sotto nella Tabella 1.

 

Approccio Numero di Costrutti Durata dell’intervista (min)
Diretto

Totale

Media

179

12.8

670

47.9

Remoto

Totale

Media

128

11.6

525

47.7

Complessivo

Totale

Media

307

12.28

1195

47.8

Tabella 1. Sintesi della raccolta dati.

 

Come si può vedere da questa tabella, il numero medio di costrutti ottenuti con elicitazione Diretta (12.8) è stato solo marginalmente superiore al numero medio di costrutti ottenuti con elicitazione da Remoto (11.6), con il tempo medio di intervista simile (47.9 minuti vs. 47.7 minuti).

Andando oltre le tipologie di conteggio delle frequenze esposti come prova di ricchezza nel confronto dei dati delle interviste Dirette e Remote di Johnson et al. (2019), ci concentriamo sul significato. Le Figure 1 e 2 servono ad esemplificare il livello di dettaglio e specificità dei costrutti ottenuti per dimostrare la comparabilità dei dettagli dei costrutti in entrambi i gruppi.

 


Figura 1. Esempio di intervista Diretta.

 

Le trascrizioni mettono in luce il modo in cui la condivisione dello schermo ha semplificato il processo di verifica della direzionalità della valutazione. Così, avendo iniziato a valutare gli elementi su un costrutto, gli intervistatori potrebbero dire “oh, aspetta, ‘1’ sta per il minimo e ‘5’ il massimo su questo costrutto, o è il contrario?“. Vedendo la griglia sul loro schermo dopo che costrutti e valutazioni erano stati digitati nel foglio Excel dall’intervistatore, è stato più facile per gli intervistati riconoscere un errore nel catturare il significato inteso da loro e modificare rapidamente il costrutto in modo appropriato, rispetto invece alla procedura di elicitazione diretta in cui la griglia è compilata dall’intervistatore, spesso in scrittura semi-leggibile, e che conserva il possesso del foglio di registrazione griglia.

La complessità cognitiva dei partecipanti è stata di particolare interesse per questo studio, poiché vi sono indicazioni che gli imprenditori nelle industrie high-tech possiedono un più alto grado di complessità cognitiva che i non imprenditori (vedi Xu, 2011). Quindi, il ricercatore era interessato a confrontare la complessità cognitiva dei manager con più esperienza di progetti di Exploratory Innovation (quelli più simili ai progetti con cui hanno a che fare gli imprenditori) con quella dei manager che hanno avuto maggiore esperienza con progetti di Exploitative Innovation.

Figura 2. Esempi di intervista da Remoto.

 

Una varietà di misure di complessità è disponibile per i dati basati sulla Griglia di Repertorio (Kovårovå & Filip, 2015). Qui, l’analisi della componente principale, che valuta la proporzione di varianza nella griglia che è contabilizzata dalle prime due componenti principali, è stata scelta come misura conveniente e diretta (vedi Fransella 2004, pp. 119-121).

 

Approccio dell’intervista % di varianza rappresentata dalle prime 2 componenti principali
Minore Maggiore Media STD
Diretto n= 14 61.3 86 75.5 6.29
Remoto n=11 57.9 83.1 73.5 7.3

Tabella 2. La complessità cognitiva in base all’approccio dell’intervista.

 

Come si può vedere dalla Tabella 2, sia le interviste dirette che quelle a distanza sono state in grado di catturare una vasta gamma di variabilità nella costruzione della persona, con la differenza nella complessità cognitiva media trascurabile. I risultati del confronto della complessità degli intervistati con maggiore esperienza di progetti Exploratory rispetto a quelli Exploitative sono descritti in dettaglio in Yamnitsky (2020, p. 143).

 

5. Discussione

È chiaro che un alto livello di conoscenza nelle competenze interpersonali, come spiegato nell’intervista convenzionale (King, 2004; Gillham, 2005, pp. 29-36), è particolarmente importante nella tecnica della Griglia di Repertorio. Laddove le precise sfumature di significato che l’intervistato desidera esprimere sotto forma di costrutti personali non sono necessariamente evidenti o chiare, far affiorare la comprensione implicita diventa un processo sottile e attento, di deliberazione reciproca sul significato inteso dall’intervistato piuttosto che un’estrapolazione di ciò che è evidente “lì” (Jankowicz, 2019).

Come abbiamo notato in precedenza, Johnson et al. (2019) ci ricordano che le interviste convenzionali condotte di recente potrebbero non essere sufficientemente ricche per arrivare a un esame dettagliato della questione presa in esame. L’intervista con la griglia effettuata da remoto, se condotta con cura, utilizzando come punti chiave tre procedure spesso associate con la tecnica di griglia standard quali gli elementi “Ideale”, costrutti comprensivi, e Laddering down, incoraggia la riflessione sugli elementi, la riflessione sui costrutti e la riflessione sul significato inteso dalla persona. Il risultato è una “negoziazione di significato” (Jankowicz, 2019) che, a nostro avviso, fornisce la ricchezza che altrimenti è assente nelle interviste condotte a distanza. Vale la pena notare che lo studio della griglia si occupava di questioni personali non sensibili; le avvertenze espresse da Johnson et al. (2019) e Sedgwick & Spiers (2009) potrebbero altrimenti essere ancora valide, specialmente se la procedura chiave, la riflessione sui significati, fosse trascurata.

La novità dell’approccio qui esaminato deriva dal fatto che un semplice foglio di calcolo, visibile a entrambe le parti in tempo reale tramite la condivisione reciproca dello schermo, insieme all’uso attento delle procedure standard di intervista della griglia di cui sopra, ha permesso ai dati della griglia di essere visualizzati, corretti ed elaborati mentre venivano raccolti, rendendoli estremamente visibili, facili da seguire e adeguatamente ricchi di dettagli.

Da questa esperienza si possono trarre diverse conclusioni chiave:

  1. L’elicitazione da Remoto ha prodotto risultati paragonabili all’elicitazione Diretta in termini di: (a) dettaglio dei costrutti, (b) numero comparabile di costrutti elicitato durante il tempo dell’intervista e (c) capacità di catturare la variabilità nella costruzione di un intervistato (la sua complessità cognitiva rispetto al problema riportato).
  2. L’elicitazione tramite computer (utilizzando un foglio di calcolo Excel) ha permesso il monitoraggio dei problemi rispetto alle valutazioni numeriche, cosa che sarebbe stata più difficile da rilevare se il ricercatore avesse utilizzato carta e penna. Ciò corrobora l’argomentazione di Fromm (2004) secondo cui l’elicitazione basata su computer può portare a una maggiore precisione dei dati raccolti, e lo estende alla situazione di elicitazione da Remoto.
  3. La condivisione dello schermo ha consentito di visualizzare l’intera griglia in modo olistico durante la sessione di intervista, aumentando la visibilità dell’intervistato sui dati raccolti. Gli autori sostengono che questo approccio ha aumentato la sensazione dell’intervistato di partecipazione e proprietà di quanto raccolto.
  4. Questi risultati possono essere generalizzati alle interviste con la Griglia di Repertorio in circostanze simili, nel momento in cui è possibile utilizzare software di videoconferenza di livello aziendale con video ad alta definizione e condivisione dello schermo (ad es. Zoom, MS-Teams, WebEx) e sono trattati argomenti personalmente non sensibili.

Come può essere tratto dal corollario di socialità di Kelly (1963), quando si verifica l’interazione sociale, le relazioni di ruolo (es. manager-subordinato, intervistatore-intervistato) diventano più efficaci nella misura in cui una persona comprende i costrutti dell’altro (ibidem). Ne consegue che, in un’intervista con la Griglia di Repertorio, diventa importante come il ricercatore cerchi di capire i costrutti di un intervistato, la capacità di leggere i segnali non verbali e di sviluppare un rapporto con un intervistato (vedi Jorgenson, 1992). È qui che l’uso condiviso su schermo di un foglio di calcolo basato su Excel per l’acquisizione dei dati può essere più efficace della visualizzazione condivisa dei dati acquisiti mediante un software di estrazione della Griglia di Repertorio più specializzato, come descritto in precedenza, dal momento che il formato Excel è probabile che sia più familiare a un pubblico di professionisti d’affari, rispetto a strumenti come RepPlus, Idiogrid e simili.

Sono anche importanti l’uso di strumenti di videoconferenza con video ad alta definizione e una connessione Internet stabile, al fine di garantire una buona qualità sia per il ricercatore che per l’intervistato.

Inoltre, l’acquisizione dei dati in Excel è stata ottimizzata per la successiva aggregazione e manipolazione dei dati al di là dei servizi forniti dal tipico pacchetto software Repertory Grid. Va notato che i dati raccolti durante le interviste dirette sono stati successivamente inseriti in fogli di calcolo Excel per la memorizzazione e l’analisi. Inoltre, se necessario e se la natura degli elementi lo consente, il ricercatore è in grado di aggregare tutte le griglie in un unico foglio di calcolo e utilizzare una combinazione di funzioni di Excel per formare varie analisi in modo comodo e rapido.

Gli autori sperano che questi risultati porteranno ad un progresso nell’uso della Griglia di Repertorio sia nella ricerca accademica che in quella aziendale, specialmente in un momento in cui fare business da remoto è sempre più la norma.

 

6. Limiti e ulteriori ricerche

 

Inizialmente, la ricerca non è stata progettata per essere uno studio comparativo di diverse modalità di intervista; i partecipanti sono stati intervistati tramite videoconferenza a seconda della loro disponibilità e località.

A causa della natura della loro professione, tutti i partecipanti a questa ricerca possono essere descritti come familiari con la tecnologia in questione, dal momento che lavorano in una società multinazionale che richiede loro di partecipare alle videoconferenze utilizzando più strumenti diversi più volte al giorno o almeno più volte a settimana. La popolazione in generale avrà probabilmente una maggiore familiarità con la tecnologia, e questo potrebbe avere un impatto sulla precisione e la chiarezza dello scambio di informazioni in cui è coinvolta l’acquisizione di dati remoti e sul software di videoconferenza scelto.

Come sostengono Johnson et al. (2019) e Sedgwick & Spiers (2009), le interviste a distanza potrebbero non essere ideali quando l’argomento è di natura personale o sensibile. Ricerche future potrebbero valutare la possibilità di avere intervistati che assumono il controllo sul foglio di calcolo Excel nella schermata condivisa, e lo compilano da soli, piuttosto che lo faccia un ricercatore.

Le ricerche future potrebbero concentrarsi su un confronto tra gli aspetti dell’interazione sociale e il loro impatto sulla riduzione degli errori nell’elicitazione dei costrutti tra interviste tramite Griglia di Repertorio Dirette e da Remoto. Inoltre, i ricercatori che utilizzano le Griglie di Repertorio potrebbero valutare la differenza nella complessità cognitiva su problemi complessi vs. problemi semplici in interviste da Remoto vs. interviste Dirette.

 

Bibliografia

Adams‐Hutcheson, G., & Longhurst, R. (2017). A least in person there would have been a cup of: Interviewing via Skype. Area, 49(2), 148-155. doi:10.1111/area.12306

Archibald, M. M., Ambagtsheer, R. C., Casey, M. G., & Lawless, M. (2019). Using zoom videoconferencing for qualitative data collection: Perceptions and experiences of researchers and participants. International Journal of Qualitative Methods, 18. doi:160940691987459

Baghai, M., Coley, S., & White, D. (2000). The alchemy of growth: Practical insights for building the enduring enterprise. New York: Perseus Publishing.

Bennet, D., & Bennet, A. (2008). Engaging tacit knowledge in support of organizational learning. VINE Journal of Information and Knowledge Management Systems, 38(1), 72-94. doi:10.1108/03055720810870905

Blank, S. (2015). Lean innovation management – Making corporate innovation work. Forbes website. Consultato il 17 Giugno del 2018 da https://www.forbes.com/sites/steveblank/2015/06/25/lean-innovation-management-making-corporate-innovation-work/amp/

Bower, J. L, & Christensen, C. M. (1995). Disruptive technologies: Catching the wave. Harvard Business Review, 73(1), 43-53.

Campbell, N. (2015). Investigating the motivation and personal traits of allied health professionals working in remote and rural Australia: The remote and rural allied health motivation and personality (RRAHMP) study. [Doctoral Dissertation, University of Queensland]. doi:10.14264/uql.2015.1058

Christensen, C. (1997). The innovator’s dilemma: When new technologies cause great firms to fail. Boston: Harvard Business School Press.

Cornelius, N. (2016). Personal construct theory, research, and practice in the field of business and management. In D. A. Winter & N. Reed (Eds.), The Wiley Handbook of Personal Construct Psychology (pp. 267-281). Chichester: Wiley.

Cristancho, S., Bidinosti, S., Lingard, L., Novick, R., Ott, M. & Forbes, T. (2015). Seeing in different ways: Introducing ‘rich pictures’ in the study of expert judgment. Qualitative Health Research, 25(5), 713-725. doi:10.1177/1049732314553594

Denicolo, P., Long, T., & Bradley-Cole, K. (2016). Constructivist Approaches and Research Methods. London: Sage.

Dudding, C. C. (2009). Digital videoconferencing. Communication Disorders Quarterly, 30(3), 178-182. doi:10.1177/1525740108327449

Fransella, F. (2003). International handbook of personal construct psychology (1st ed.). Chichester: Wiley.

Fransella, F., Bell, R., & Bannister, D. A. (2004). Manual for repertory grid technique (2nd ed.). Chichester: Wiley.

Fromm, M. (2004). Introduction to the repertory grid interview. Münster: Waxmann.

Garcia-Martínez, J., Payán-Bravo, M. A., & Moreno-Rodríguez R. (2019). Euclidean distance in the repertory grid technique: A study of distances between elements in a sample of battered women. Personal Construct Theory & Practice, 16, 82-93.

Gibson, C., & Birkinshaw, J. (2004). The antecedents, consequences, and mediating role of organisational ambidexterity. The Academy of Management Journal, 47(2), 209-226. doi:10.2307/20159573

Grice, J. W. (2002). Idiogrid: Software for the management and analysis of repertory grids. Behavior Research Methods, Instruments, & Computers, 34(3), 338-341. doi:10.3758/BF03195461

Grice, J., Burkley, E., Burkley, M., Wright, S., & Slaby, J. (2004). A sentence completion task for eliciting personal constructs in specific domains. Personal Construct Theory & Practice, 1(2), 60-75.

Honey, P. (1979). The repertory grid in action: How to use it to conduct an attitude survey. Industrial and Commercial Training, 11(11), 452-459. doi:10.1108/eb003756

Iacono, V. L., Symonds, P., & Brown, D. H. (2016). Skype as a tool for qualitative research interviews. Sociological Research Online, 21(2), 1-12. doi:10.5153/sro.3952

Gillham, R. (2005). Research interviewing: The range of techniques. Maidenhead: Open University Press.

Heckmann, M., & Bell, R. C. (2016). A new development to aid interpretation of hierarchical cluster analysis of repertory grid data. Journal of Constructivist Psychology, 29(4), 368-381. doi:10.1080/10720537.2014.1134368

Jankowicz, A. D. (1990). Applications of personal construct psychology in business practice. In G. J. Neimeyer & R. A. Neimeyer (Eds.), Advances in Personal Construct Psychology (pp. 257-287). Greenwich, CT/London: JAI Press.

Jankowicz, A. D. (2001). Why does subjectivity make us nervous? Journal of Intellectual Capital, 2(1), 61-73. doi:10.1108/14691930110380509

Jankowicz, A. D. (2004). The easy guide to repertory grids. Chichester: Wiley.

Jankowicz, D. (2019). Sociality and negotiation in the research grid interview. Personal Construct Theory & Practice, 16, 94-99.

Jenner, B. M., & Myers, K. C. (2019). Intimacy, rapport, and exceptional disclosure: A comparison of in-person and mediated interview contexts. International Journal of Social Research Methodology, 22(2), 165-177. doi:10.1080/13645579.2018.1512694

Johnson, D. R., Scheitle, C. P., & Ecklund, E. H. (2019). Beyond the in-person interview? How interview quality varies across in-person, telephone, and skype interviews. Social Science Computer Review, 39(6), 1142-1158. doi:10.1177/0894439319893612

Jorgenson, J. (1992). Communication, rapport, and the interview: A social perspective. Communication Theory, 2(2), 148-156. doi:10.1111/j.1468-2885.1992.tb00034.x

Kelly, G. A. (1955). The psychology of personal constructs (vol. 1-2). New York, NY: Norton

Kelly, G. A. (1963). A Theory of personality. New York, NY: Norton.

King, N. (2004). Using interviews in qualitative research. In C. Cassell & G. Symon (Eds.), Essential Guide to Qualitative Methods in Organizational Research (pp. 11-22). London: Sage Publications.

Kovårovå, M., & Filip, M. (2015). Integrating the differentiated: A review of the personal construct approach to cognitive complexity. Journal of Constructivist Psychology, 28(4), 342-365. doi:10.1080/10720537.2014.994693

Magni, L. (2010). Remote administration of repertory grids through Microsoft Live Meeting in an organizational context. Personal Construct Theory and Practice, 7, 49-64.

Merriam, S. B. (1998). Qualitative research and case study applications in education: Revised and expanded from case study research in education. San Francisco: Jossey-Bass Publishers.

Neimeyer., R. A., Baker, K. D., & Neimeyer, G. J. (1990). The current status of personal construct theory: Some scientometric data. In R. A. Neimeyer & G. J. Neimeyer (Eds.), Advances in Personal Construct Psychology (Vol. 1) (pp. 3-22). Greenwich, CT/London: JAI Press.

O’Reilly, C. A., & Tushman, M. L. (2008). Ambidexterity as a dynamic capability: Resolving the innovator’s dilemma. Research in Organisational Behavior, 28, 185-206. doi:10.1016/j.riob.2008.06.002

Pankratz, O., & Basten, D. (2014). Ladder to success – Eliciting project managers’ perceptions of IS project success criteria. International Journal of Information Systems and Project Management, 2(2), 5-24. doi:10.12821/ijispm020201

Plambeck, N. (2012). The development of new products: The role of firm context and managerial cognition. Journal of Business Venturing, 27(6), 607-621. doi:10.1016/j.jbusvent.2011.08.002

Saúl, L. A., López-González, M. A., Moreno-Pulido, A., Corbella, S., Compañ, V., & Feixas, G. (2012). Bibliometric review of the repertory grid technique: 1998– 2007. Journal of Constructivist Psychology, 25(2), 112-131. doi:10.1080/10720537.2012.651065

Sedgwick, M., & Spiers, J. (2009). The use of videoconferencing as a medium for the qualitative interview. International Journal of Qualitative Methods, 8(1), 1-11. doi:10.1177/160940690900800101

Seitz, S. (2016). Pixilated partnerships, overcoming obstacles in qualitative interviews via Skype: A research note. Qualitative Research, 16(2), 229-235. doi:10.1177/1468794115577011

Solís-Molinaa, M., Hernández-Espallardo, M., & Rodríguez -Orejuela, A. (2018). Performance implications of organisational ambidexterity versus specialisation in exploitation or exploration: The role of absorptive capacity. Journal of Business Research, 91(2018), 181-194. doi:10.1016/j.jbusres.2018.06.001

Teece, D., Peteraf, M., & Leih, S. (2016). Dynamic capabilities and organisational agility: Risk, un-certainty, and strategy in the innovation economy. California Management Review, 58(4), 13-35. doi: 10.1525/cmr.2016.58.4.13

Weick, K., Sutcliffe, K. M., & Obstfeld, D. (2005). Organizing and the process of sensemaking. Organisation Science, 16(4), 409-421. doi:10.1287/orsc.1050.0133

Weller, S. (2017). Using internet video calls in qualitative (longitudinal) interviews: Some implications for rapport. International Journal of Social Research Methodology, 20(6), 613-625. doi:10.1080/13645579.2016.1269505

Williams, R. T., & Mackness, J. (2014, Settembre). Surfacing, sharing and valuing tacit knowledge in open learning. Paper presentato alla conferenza Evaluating Open Learning Scenarios, Graz, Austria.

Xu, Y. (2011). Entrepreneurial social capital and cognitive model of innovation. Management Research Review, 34(8), 910-926. doi:10.1108/01409171111152510

Yamnitsky, E. (2020). Middle managers’ construing of exploitative and exploratory innovation projects in two large high-tech corporations (Publication no. 347255277) [Doctoral thesis, Heriot-Watt University]. ResearchGate.

Yin, R. K. (2017). Case study research and applications: Design and methods. Thousand Oaks, CA: SAGE Publications.

 

Note sugli autori

 

Eugene Yamnitsky

Citrix

eugene.yamnitsky@gmail.com

Senior Director di Product Management presso Citrix, dove è a capo di un portfolio di prodotti SaaS. Le sue esperienze passate includono ruoli in Product Management, Software Engineering e Innovation Management. Eugene ha conseguito il suo B.Sc. in Economia nel 1997 e MBA con concentrazione in MIS e Finanza nel 2003 presso l’Università Ebraica di Gerusalemme. Recentemente ha ricevuto la laurea in Business Administration con particolare attenzione al Sensemaking manageriale e Organizational Ambidexterity dalla Heriot-Watt University, Edinburgh Business School. Attualmente insegna Product Management presso la North Carolina State University, College of Design.

 

Devi Jankowicz

Edinburgh Business School, Heriot Watt University

animas@ntlworld.com

Ha conseguito una prima laurea in Psicologia (1969) seguita da un dottorato in Management Cybernetics (1975), entrambi presso l’Università di Brunel. Ha insegnato Organisational Behaviour e metodi di ricerca presso università in Irlanda, Stati Uniti, Polonia e Regno Unito, e ha contribuito alla formazione manageriale sviluppando due programmi MBA e un programma DBA prima di entrare a far parte della facoltà di Edimburgo Business School dove ha insegnato sui programmi MSC e DBA, più recentemente come Visiting Professor. I suoi interessi di ricerca includono il trasferimento di conoscenze attraverso i confini culturali, l’uso di ambienti virtuali nell’apprendimento a distanza e le applicazioni della teoria e delle tecniche costruttiviste nel mondo degli affari e della gestione. Ha al suo attivo un centinaio di pubblicazioni su riviste specializzate, tra cui sei libri di testo sui metodi di ricerca aziendale, uno in traduzione cinese. Tra i suoi clienti di consulenza figurano JPL/NASA, Unilever, Rolls-Royce (Bristol) e il Servizio per l’occupazione del Regno Unito; ha contribuito ai seminari di briefing ministeriali nel Regno Unito e ha svolto un ruolo di esperto dell’UE per il Ministero dell’istruzione in Polonia.

 

Note

  1. Ringraziamo gli editori della rivista Personal Construct Theory & Practice e gli autori per aver gentilmente concesso la traduzione dell’articolo. L’originale è disponibile al link: https://www.pcp-net.org/journal/pctp20/Yamnitsky20.pdf. Yamnitsky, E., & Jankowicz, D. (2020). Capturing constructs in a post-COVID world: A research note on the remote administration of Repertory Grids. Personal Construct Theory & Practice, 17, 1-12.
  2. https://www.gotomeeting.com/